Racconti di Famiglia

Quel profumo che era di casa

La sera, prima ancora del rombo del motore
dell’auto che parcheggiava proprio sotto
il balcone, prima ancora che
il citofono suonasse o che la chiave girasse
nella serratura della porta, prima ancora che
dal lungo corridoio si sentisse la sua voce
dire “Sono tornato”, e prima ancora che
la madre dicesse “È tornato”,
prima ancora che l’orologio segnasse l’ora
della cena, prima ancora di tutto questo,
c’era il meraviglioso profumo dei suoi passi,
dell’olio spremuto nel frantoio
e rimasto impresso addosso, e che ora
annunciava a tutti i figli che il padre,
Antonio Coricelli, era di nuovo a casa.

Lascia una risposta